I farmaci lassativi
Pancia in salute > Stipsi > I farmaci lassativi

I farmaci lassativi

Se l’adeguamento dello stile di vita e delle misure dietetiche non è sufficiente per ripristinare il normale transito intestinale, è possibile utilizzare farmaci lassativi, disponibili in farmacia senza prescrizione medica.

Il farmacista può consigliarti un farmaco lassativo adattato alla tua situazione, tenendo conto del tuo stato di salute e dei tuoi possibili trattamenti concomitanti.

Esistono diverse classi di farmaci lassativi che differiscono nel loro modo di agire. Lassativi osmotici, lassativi «formanti massa» e lassativi lubrificanti sono i più adatti per l’automedicazione. Se i sintomi persistono dopo una settimana di trattamento, consultare un professionista della salute.

I lassativi osmotici

Meccanismo l’azione dei lassativi osmotici Tempo di azione dei lassativi osmotici Precauzioni d’uso per i lassativi osmotici Esempi di lassativi osmotici
I lassativi osmotici aumentano la quantità di acqua nelle feci richiamando acqua nell’intestino. Le feci assumono così nuovamente la consistenza normale. 1-2 giorni Per una buona efficacia del trattamento, assicurarsi di rispettare la posologia e la durata del trattamento. Gonfiore e dolore addominale possono comparire all’inizio del trattamento, ma molto meno frequentemente con Polietilenglicole (PEG) o macrogol rispetto ad altri lassativi osmotici. > Polietilenglicole (PEG) o macrogol
> Zuccheri e polioli (lattulosio, lattitolo, mannitolo, sorbitolo)

Lassativi «formanti massa»

Meccanismo d’azione dei lassativi «formanti massa» Tempo di azione dei lassativi «formanti massa» Precauzioni d’uso dei lassativi formanti massa Esempi di lassativi formanti massa
Composti da fibre e mucillagini, i lassativi «formanti massa» si gonfiano a contatto con l’acqua e aumentano il volume della massa fecale: la consistenza delle feci viene modificata e questo ne facilita il transito. 1-3 giorni
La massima efficacia si ottiene dopo diversi giorni di trattamento.
Bere molta acqua durante il trattamento. Assumere i lassativi formanti massa a distanza dagli altri farmaci. Crusca, mucillagini (psillio, ispagula), gomme (di guar, sterculia), polisaccardi di origine vegetale (Agar), polimeri di origine sintetica (policarbophil calcico), glucomannano, metilcellulosa, carbossimetilcellulosa, e altre fibre funzionali.

I lassativi lubrificanti

Meccanismo d’azione dei lassativi lubrificanti Tempo di azione dei lassativi lubrificanti Precauzioni d’uso dei lassativi lubrificanti Esempi di lassativi lubrificanti
I lassativi lubrificanti facilitano la progressione della massa fecale lubrificando il rivestimento dell’intestino. Da 6 a 72 ore I lassativi lubrificanti non devono essere assunti poco prima di andare a letto. Non utilizzare se si deve rimanere a letto. I lassativi lubrificanti possono causare trasudazioni e irritazione a livello dell’ano. > Paraffina liquida (olio di vaselina)

Altri farmaci lassativi

Esistono altri medicinali lassativi per i quali si consiglia l’opinione di un professionista sanitario: lassativi per via rettale e lassativi stimolanti.

I lassativi per via rettale

Meccanismo d’azione dei lassativi per via rettale Tempo di azione dei lassativi per via rettale Precauzioni d’uso dei lassativi per via rettale Esempi di lassativi per via rettale
Riservati ai casi di defecazione difficile, i lassativi per via rettale sono commercializzati sotto forma di supposte, clisteri o gel rettale, che innescano il riflesso della defecazione (espulsione delle feci). Da 5 a 60 minuti L’uso ripetuto o prolungato non è raccomandato a causa del rischio di irritazione nella zona dell’ano. Non usare in caso di lesioni anali (emorroidi, ragadi anali…) > Glicerina (supposte, microclismi, clisteri)
> Sorbitolo

I lassativi stimolanti

Meccanismo d’azione dei lassativi stimolanti Tempo d’azione dei lassativi stimolanti Precauzioni d’uso per i lassativi stimolanti Esempi di lassativi stimolanti
I lassativi stimolanti stimolano la parete intestinale, aumentano la motilità dell’intestino e la secrezione di acqua permettendo l’evacuazione delle feci. A partire da 6 ore I lassativi stimolanti possono causare mancanza di feci il giorno o i giorni successivi al trattamento.
Non ripetere le dosi o aumentare le dosi. A causa del loro meccanismo d’azione, degli effetti collaterali (rischio di dipendenza dal trattamento con danno intestinale e ipokaliemia – riduzione dei livelli di potassio nel sangue) e delle possibili interazioni con molti farmaci (inclusi i farmaci diuretici o medicinali per il cuore), questi lassativi dovrebbero essere riservati ai casi di costipazione occasionale non alleviati da altri trattamenti, e dovrebbero essere usati solo per periodi molto brevi.
Non usare durante la gravidanza.
> Olio di ricino
> Sali di magnesio
> Docusato di sodio
> Picosolfato di sodio
> Bisacodile 
> Derivati antrachinonici (senna, aloe, frangula, cascara, rabarbaro)