Stipsi: cattive abitudini
Pancia in salute > Stipsi > Stipsi: cattive abitudini

Stipsi: cattive abitudini

La stipsi è un disturbo comune e banale. Nella stragrande maggioranza dei casi, è un fastidio transitorio, senza pericolo, che dura solo pochi giorni. Tuttavia, è un problema che può influenzare la vita quotidiana di coloro che ne soffrono. Si può essere pertanto tentati di adottare cattive abitudini pensando che possano aiutare a superare la stipsi o ad alleggerirne un po’ i sintomi. Peggio ancora, a volte siamo portati ad ascoltare alcuni consigli che fanno più male che bene.

Le cattive abitudini in caso di stipsi

Un’abitudine regolare come rimedio in caso di stipsi

La prima azione che si è tentati di fare quando si è costipati è quella di trattenersi a lungo per aumentare le possibilità di essere sollevati la prossima volta che si va in bagno. Questo ragionamento non è del tutto illogico … Ma non è affatto raccomandato!

Al contrario, trattenendosi, c’è il rischio di aggravare il problema: è un vero circolo vizioso! Consigliamo piuttosto di mantenere un ritmo abituale e regolare. L’idea è di ascoltare la sensazione di stimolo e di riabilitare il proprio tratto intestinale in modo che ritorni a funzionare regolarmente e efficacemente. 

Un’altra risposta alla stipsi che può sembrare logica: il disagio addominale causato dalla stipsi può portare alcuni a ridurre l’alimentazione. Ancora una volta questo non migliorerà le cose. Al contrario! 

Tuttavia, alcuni consigli dietetici possono aiutare in caso di stipsi. 

Leggere anche: Cosa mangiare in caso di stipsi?

Leggi anche: 5 consigli per combattere la stipsi